Come studiare senza fatica

Come studiare senza fatica

Alcuni consigli su come studiare senza fatica e pianificare il tempo a disposizione per migliorare il proprio rendimento scolastico

Prima di analizzare alcune strategie su come studiare senza fatica cerchiamo di riassumere alcune cattive abitudini che accompagnano lo studio di alcuni studenti.

Definire le cattive abitudini e cercare di eliminarle

Lo studio dovrebbe essere sempre accompagnato da buoni pensieri costruttivi, ossia non stiamo studiando per un voto, ma per noi stessi ed allora eliminiamo le cattive abitudini:
Eliminare i pensieri negativi, come per esempio, questi argomenti da studiare non servono a nulla, a che cosa mi possono servire?!

  • Dedicare il giusto tempo allo studio senza ridurlo all’osso e neppure stare ore e ore davanti ad un manuale, senza rendere produttivo ciò che si sta analizzando;
  • Dare poca importanza al proprio benessere psicofisico, far prevalere sempre il principio mens sana in corpore sano
  • Non pianificare il programma di studio pensando al tanto tempo che si ha a disposizione e quindi mai rimandare ciò che si può fare oggi al domani;
  • Considerare le strategie di studio a memoria superflue e inutili, finché non si sono consolidati gli argomenti uno studio mnemonico può servire a poco
  • Studiare in un ambiente rumoroso è fonte di distrazione, la tranquillità aiuta la concentrazione;
  • Continuare a studiare anche se la concentrazione è da un’altra parte non è produttivo, allora è meglio staccare la spina e dedicarsi ad altro;

Eliminare le cattive abitudini può essere un buon modo per impostare lo studio diversamente, ossia renderlo interessante e fonte di accrescimento personale. Qualsiasi professione si andrà a svolgere in età matura porterà con sé tutto ciò che si è seminato in età scolastica o universitaria.

Come studiare senza fatica eliminando i pregiudizi

Diverse analisi dimostrano che gli studenti che emergono non sono quelli più dotati intellettualmente, ma quelli che si impegnano e credono nella crescita delle capacità. Coloro che, dedicano attenzione e disponibilità allo studio, prendono appunti, organizzano e selezionano il lavoro e posseggono un controllo emotivo dimostrano risultati eccellenti nella loro carriera scolastica e lavorativa.

I luoghi da evitare

Un consiglio è: evitare i luoghi rumorosi, televisione accesa, musica alta, presenza di parenti che parlano. Cercare di studiare in questi luoghi significa spendere il proprio tempo malamente, non riuscendo a raggiungere una concentrazione tale da rendere produttivo il proprio lavoro. I luoghi luminosi a luce naturale e silenziosi possono aiutare a mantenere una corretta attenzione e quindi l’ideale per chi vuole raggiungere i propri obiettivi.

Quando e quanto

Per ottenere ottimi risultati è importante la massima concentrazione, quindi si deve dedicare la parte migliore del proprio tempo, cioè il top. Nel corso degli anni, confrontandomi con molti studenti, vi era chi sosteneva di studiare meglio di prima mattina, chi la notte, chi nel pomeriggio, l’importante è individuare quando si è in grado di rendere di più.
Altro elemento caratterizzante per un proficuo studio è il tempo da dedicare allo studio, esso non è uguale per tutti. Può dipendere da diversi fattori, come: la motivazione, il grado di concentrazione, le conoscenze di base, le strategie e il metodo di studio acquisito, la complessità della materia oggetto di studio. Per tali ragioni è consigliabile pianificare il lavoro e definire degli obiettivi tramite un piano di studio giornaliero, settimanale o mensile.
In una giornata di 24 ore possiamo suddividere il tempo in questo modo:

  • Lezioni: 5 ore
  • Studio a casa: 4 ore
  • Sport: 1 ora
  • Attività sociali (amici, fidanzata, ecc.): 1 ora
  • Trasporto: 2 ore
  • Divertimento, hobby: 1 ore
  • Mangiare, lavarsi, vestirsi: 2 ore
  • Dormire: 8 ore

Pillole per trasformare il proprio studio

Si può provare questa ricetta per capire se il proprio studio può essere migliorato e reso maggiormente produttivo, fateci sapere se vi sono dei miglioramenti:

Motivarsi
Cercare di dare un senso a quello che si fa
Organizzarsi e pianificare
Determinare l’impegno e cercare di dividere l’impegno in diversi passaggi
Leggere e comprendere
Il testo si deve leggere con attenzione e comprendere, magari facendosi aiutare anche da un dizionario
Elaborare
Oltre alla lettura è importante anche riassumere le parti più significative
Memorizzare
Una lettura efficace del teso rappresenta l’80% del processo della memorizzazione
Ricordare
Per ricordare i contenuti letti è consigliabile ripetere o auto interrogarsi, meglio se fatto con altri risulta più stimolante
Ripassare
Se durante lo studio sono state realizzati indici e schemi si può ripassare con tali strumenti
Gestire l’ansia
L’esercizio fisico, metodi di rilassamento, alternare studio- svago, studiare in gruppo può aiutare a combattere l’ansia
Abbiamo illustrato la nostra visione su come studiare senza fatica. Per avere maggiori informazioni sulla nostra metodologia di studio consulta l’offerta formativa a vostra disposizione.

Compila il form per avere maggiori informazioni